Marco Travaglio – 28/04/2009 Berlino – premio libertà di stampa 1/4

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. silvia93 ha detto:

    nel silenzioso ombroso magma dei miei pensieri
    persa a vagare nel suono del nulla
    mi chiedo, mi domando, ricordo…
    scuto la testa e me lo impedisco.
    è troppo difficile.
    dolore, ancora dolore, è ritornato, anzi no
    non se n’è mai andato.
    lo osservo assorta segnarmi il cuore…e non solo.
    sorrido e subito sono di nuovo nel buio,
    son io, mi guardo da fuori, mi sento.
    chiassoso silenzio trapela dai miei occhi
    morti, persi, bui, cercano la luce per vivere
    ma il sole è troppo dentro per poterne trarre energia.
    intorno solo ghiaccio e fuoco
    convivono in un malefico equilibrio
    brucia l’anima e raggela il cuore.
    voci, immagini e facce di persone che per me non sono più tali
    troppo lontane per essere reali.
    lancio il mio urlo al mondo ma mi ritorna l’eco, sempre.
    poi un’altra voce si aggiunge alla mia
    più vicina, più viva,
    la tua.
    e come l’Araba brucio col sorriso,
    ora sono in pace,
    rinasco dalle mie ceneri.

Lascia un commento