E’ uscito il mio primo romanzo.

copertinadopp

Comincio finalmente a parlarvi del mio romanzo “La leggenda del Burqa” e vi mostro anche la prima e la quarta di copertina (il disegno è nientepopodimenoche della mitica Lola Airaghi).
Com’è nato?
Ogni giorno dedico un’oretta (di solito notturna) a quello che chiamo “cazzeggio”, ovvero la navigazione a vista nel mare magnum della rete.
Durante una di queste traversate al buio mi sono imbattuto, circa due anni fa, in un articolo che raccontava a grandi linee la storia di Malalai Joya, attivista afghana per i diritti umani e in particolare delle donne.

malalai_joya

Perché questo è un romanzo d’avventura, sì, ma parla di donne.
A me le donne piacciono tanto, forse troppo.
Mi piacciono soprattutto quelle coraggiose.
Malalai è stata eletta e ha ottenuto un seggio presso la Wolesi Jirga, l’assemblea nazionale del suo paese. E’ una delle prime donne ad aver ottenuto un incarico pubblico dopo la cacciata dei talebani (anche se lei dimostra spesso che per le donne non è cambiato granché e c’è ancora tanta strada da fare).
Orbene, durante una seduta questa signora ha denunciato la presenza, all’interno dell’assemblea, come deputati, di diversi “signori della guerra”: trafficanti di armi e di oppio.
Con le dovute proporzioni potremmo paragonarli ai mafiosi nostrani, ecco.
Solo che noi i mafiosi mica li teniamo in parlamento!
Ehm…
Torniamo a Joya.
Questa denuncia pubblica le è costata una condanna a morte da parte di questi personaggi. E’ un bersaglio umano. Potrebbe essere uccisa in qualsiasi momento.
Non solo: vive nel paradosso. Per non farsi riconoscere e sfuggire ai suoi persecutori, Malalai è costretta a indossare uno dei simboli della coercizione e sottomissione delle donne: il burqa.
Sì, come fosse una maschera.
Questa è l’idea da cui è nato tutto. Mi sono chiesto: e se il burqa diventasse all’improvviso un simbolo di riscatto e di giustizia?
Questa storia ha due personaggi, due donne: una, Malalai, la protagonista, totalmente inventata. L’altra, Joya, che… somiglia molto alla Malalai Joya della realtà.
Poi c’è Il Burqa, la maschera. Chi la indossa? E perchè?
Il romanzo, attualmente in distribuzione, è edito da Ofelia Editrice. E’ acquistabile direttamente dal sito dell’editore (http://www.ofeliaeditrice.it/?product=la-leggenda-del-burqa), oppure potete prenotarlo in libreria o in un qualsiasi store (per es. http://www.ibs.it/code/9788899820022/pistoia-thomas/leggenda-del-burqa.html). C’è anche la versione ebook: http://www.ibs.it/ebook/Pistoia-Thomas/la-leggenda-del-burqa/9788899820039.html
La prefazione è di Aldo Magagnino.


Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

che nel frattempo io ti amo

candlecandle

Tu parla
che nel frattempo io ti amo
e ti tengo per la mano
mentre racconti a memoria cio che è stato
poi ti scruto attraverso una candela
Lo sai che la fiammella danza giusto all’altezza del tuo naso?
E ti rende un essere importante
Un angelo da ristorante
ma

Tu sorridi
che nel frattempo io ti amo
e parcheggio più lontano
lascio che la pioggia decori il parabrezza
e guardo scendere a rivoli le gocce
righe d’acqua che si fondono, proviamo a interpretare questi segni
scegliamo a caso una linea della vita
immaginiamola infinita
tu

piangi pure
che nel frattempo io
io ti amo
non perdo tempo, che tempo non ne abbiamo
se il rimmel fosse sangue berrei forte dai tuoi occhi
e vedrei doppio, dopo un po’, ma guiderei lo stesso
Ti giuro. E mi farei notare dalle guardie fino a farmi ritirare la patente
tanto, per ballare, ci bastano due piedi
stai con me, resta qui se non ci credi
e

insultami
che nel frattempo io
io ti amo
sai son qui… già che ci sono…
non temere, non mi offendo, schivo pure un altro piatto
dimmi porco, stronzo, chiedimi ancora da dove vengo e dove sono stato…
Non capisci che per amarti, a volte, devo andare fuori e immaginarmi senza te?
Telefonarti mentre sono per la via
e memorizzare la tua segreteria
Pronto?

Dormi?

dormi, dormi
che nel frattempo io ti amo
stai sognando il mare ed ogni suo gabbiano
io ti guardo come si guarda un angolo di polvere e lanugine
il tuo respiro è come un canto di grondaia quando torna primavera
e c’è profumo di coperta e pane in questo letto e tutt’intorno al mondo
dormi e non sognarmi, non pensare a me
Io sono quello che non c’è e ritorna sempre

come un debito, una disgrazia, un danno, una catastrofe

Ti prego, scappa via
scappa, presto
ma non lasciare la mia mano
nel frattempo

nel frattempo che ti amo

©Thomas Pistoia

N.B. Vietata ogni riproduzione anche parziale senza la citazione del nome dell’autore.


Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Ho scritto un algoritmo per te

algoritmo

Ho scritto un algoritmo per te
perché, come Tenco, non avevo nulla da fare
Se ci pensi non c’è niente di strano
ognuno scrive di quel che conosce

Io non voglio morire suicida
questa tanta sensibilità che mi trema l’anima
la metterò a tacere

In fondo si tratta solo di trovare
il modo e il motivo per cui siamo stati insieme
nonostante
nonostante tutto

Ho scritto un algoritmo per te
per darci adesso un’idea precisa del divario
e della distanza tra noi
Non è solo questione di trovare il punto esatto in cui schiacciavi il tubetto del dentifricio
No
Non è solo quello che a te piaceva e a me no
Non è come il colore preferito

Il mio algoritmo va più a fondo e conta anche i giorni
e le ore
e i minuti
Parte dal momento in cui ti ho vista la prima volta
(con la tua amica, seduta sul muretto della casa di collina
che le luci alle tue spalle sembravano Parigi
e invece erano solo le stelle e il traffico sulla statale)
e arriva fino ad oggi, adesso, che mi hai detto addio
e te ne sei andata
dimenticandomi qui

Il mio algoritmo calcola tutte le infinite variabili di un tuo sorriso
e le conserva in una porzione di memoria che è solo mia
un archivio di cose fatte insieme

i film d’essai dormiti sul divano
la spesa al centro commerciale
l’auto ferma tra nuvole di fumo sotto il viadotto
la cartolina mai spedita dal mare

poi le lacrime al funerale di tuo padre, mentre mi tenevi la mano
e quell’attesa stroncata da un’ecografia a colori, che nessuno di noi due sapeva che dire
e quando ti ho chiamata amore, ma tu dormivi
eppure son sicuro, quella volta
di aver bisbigliato forte

Ho scritto un algoritmo che calcola cosa ci resta
il senso che ha avuto lo starci accanto
e se c’è ancora una speranza

Il mio algoritmo somma i nostri numeri di cellulare
calcola il valore esadecimale del colore dei tuoi occhi
e stampa a video quante volte in tutto abbiamo fatto l’amore

Ma, perdio, dev’esserci un errore

Sì, sì… dev’esserci un errore

A un certo punto si blocca e va in loop
Va in loop

In fondo si tratta solo di trovare
il modo e il motivo per cui siamo stati insieme

nonostante
nonostante tutto

nonostante
nonostante tutto

nonostante
nonostante tutto

nonostante
nonostante tutto

©Thomas Pistoia

N.B. Vietata ogni riproduzione anche parziale senza la citazione del nome dell’autore.


Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Voce fuori campo

Luigi-Pirandello

Chissà cosa si prova a nascere nel Caos
La terra ha gli stessi muscoli stanchi
di chi la luna
non l’ha vista mai…

Girgenti è una miniera di giorni sempre uguali
Viene il tempo in cui la si ricorda appena
o si riesce a parlare
solo di lei…

E quando fuggi da qui trovi solo, dietro il vetro di una finestra
il volto sottile di donna che non ti cerca e non ti aspetta
E se c’è qualcuno che ride, è lei…
Tua moglie pazza
E scrivi pensando alle maschere che tu, nudo, non sai indossare
nemmeno dentro a un partito che ha la guerra nelle parole
Il treno ha fischiato anche per lui…
Tuo figlio prigioniero

Chissà cosa si prova a comprendere le cose
a guardarsi, solo, vivere da dentro
a sentirsi naso
dentro lo specchio…

Il teatro è una miniera di personaggi sani
I pazzi sono fuori, seduti in galleria
e gridano
fuori l’autore

E quando lasci la penna ci provi, ma non sai vivere davvero
Star dietro le quinte è più facile, non ti prendi mai sul serio
Perchè ridere, vivere, scrivere – pensi – sono orpelli dell’autore
La tana, il rifugio, la buca, dove chiudere l’errore
E se c’è qualcuno che ride sarà
la voce fuori campo

Se c’è qualcuno che ride sarà
voce

fuori campo

 

©Thomas Pistoia

N.B. Vietata ogni riproduzione anche parziale senza la citazione del nome dell’autore.

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Appuntamenti di Maggio

locandinadispartenathan

Sabato 21 Maggio sarò in ‪Abruzzo‬, a ‪Pescara‬ e presenzierò a un incontro che avrà per oggetto mio albo di ‪Nathan Never‬ “‪La lunga marcia‬”, insieme agli allievi dell’‪Accademia del fumetto pescarese. L’incontro, curato da Milo Vallone e Massimiliano Elia, si intitola “Un aperitivo con Thomas Pistoia” e si svolge presso il ‪‎Disparte‬ in Via Piave 57, a partire dalle 19,30.

locandinamaggiopescara

Il giorno dopo, domenica 22 Maggio, sempre a Pescara, io e Massimiliano Elia siamo presso il ‪‎Cantiere Teatrale Adriatico‬, in Via Sallustio 19, per dar vita, a partire dalle ore 21, a una nuova data del tour del nostro spettacolo di ‪teatro‬ e ‪canzoni‬ “Soltanto sottotitoli”.

Abbiamo in repertorio pezzi nuovi, veniteci a sentire 🙂


Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Ci siamo ubriacati di Mon Chéri

automare

Sull’autostrada che costeggia il mare
una piazzola di sosta in un paesaggio lunare

Che salto
Se puntassimo l’auto verso l’orizzonte
Se andassimo
Io e te
abbracciati alle nostre t-shirts
nel vento

Non hai nulla da dirmi, lo so
mentre io vorrei baciarti
ma tu, ombra disegnata d’asfalto
guardi altrove
guardi dove

Dico “che voglia di bere”
E tu rispondi “è questo, l’unico liquore che abbiamo…”
e mi mostri il tuo campionario di confezioni di cioccolatini

Scartane uno
Ne scarto uno anch’io
e via così

Ci siamo ubriacati di Mon Chéri

Stupidi
Non ci è nemmeno sembrato squallido insozzare per terra
che le carte tanto le porta via il vento

Ubriachi di Mon Chéri
abbiamo cantato la nostra canzone
sguaiatamente
in fondo al giorno che ci moriva in mano

Poi hai riso
forte
e hai detto “sì, sarebbe proprio un bel salto”
e hai acceso il motore

Sei rimasta lì
ubriaca di Mon Chéri
in attesa
indecisa

La tua bella bocca sporca di cioccolata
non smetteva
non smetteva

Di masticare

 

©Thomas Pistoia

N.B. Vietata ogni riproduzione anche parziale senza la citazione del nome dell’autore.


Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Incontri e rassegna stampa legati all’albo di Nathan Never “La lunga marcia”

Il 3 Aprile, ore 18, sarò al Circolo Arci del Pozzale (via sottopoggio per san donato 23, Empoli) per presenziare all‘incontro-dibattito sul mio albo di Nathan Never “La lunga marcia”. Parteciperanno l’associazione Libera contro le mafie e l’Arci Empolese Valdelsa.
Modera Alice Pistolesi.
Al termine aperitivo e sessione di firme.
Per info: 0571/924879


Il 9 Aprile, ore 10, sarò al Liceo Classico di Casarano. Incontrerò le studentesse e gli studenti sempre in riferimento all’albo di Nathan Never.

L’incontro è inserito all’interno del percorso didattico del Corso di “Giornalismo web e social” tenuto da Marilù Mastrogiovanni, giornalista professionista e scrittrice, oltre che docente di Giornalismo all’Università di Bari.

Il Corso, dal titolo “Dall’articolo 21 a Twitter, giovani giornalisti per la legalità” partendo dall’analisi dell’Articolo 21 della Costituzione italiana, intende fornire agli studenti gli elementi critici per acquisire una consapevolezza dell’importanza del proprio ruolo di piccoli cittadini attivi e consapevoli. Obiettivo finale è rafforzare la propria capacità di autodeterminazione, proponendo valori e modelli di legalità e impegno civico, sui quali attivare una riflessione di gruppo e individuale attraverso la scrittura nei diversi stili giornalistici, inclusi i social, strumenti da governare per non esserne travolti.

Il giornalismo e la libertà d’espressione come strumento di democrazia; la legalità come modello di un modus vivendi positivo, proposto alle ragazze e ai ragazzi attraverso testimonial di spessore; la scrittura come strumento di autodeterminazione ed espressione di sé.

Il percorso intrapreso all’inizio dell’anno scolastico, ha proposto agli studenti una ricognizione storica delle stragi di mafia del 1992, per arrivare a trattare la problematica della Trattativa Stato-mafia. Gli studenti hanno attivato un “ponte” con altri studenti dei Licei di Palermo e con l’associazione “Scorta civica” e “Agende rosse” di Salvatore Borsellino. Hanno seguito la lectio magistralis del magistrato Nino Di Matteo, intervistandolo. A seguito della partecipazione alla lectio magistralis del pm Di Matteo, il Liceo Classico e Les ha aderito, su invito dell’Università, al costituendo Osservatorio per la legalità in seno al Centro per l’innovazione didattica dell’UnivSalento, diretto dal prof. Salvatore Colazzo.

Come tappa di questo percorso l’esperta esterna Marilù Mastrogiovanni, ha proposto la visita presso la sede della Commissione europea a Bruxelles; la visita della redazione giornalistica di EUNews e EUTV, cioè il giornale on line e la web tv ufficiale del Parlamento europeo e l’incontro dibattito con l’alta magistrata della Corte d’Assise d’Appello di Lecce e drammaturga teatrale Francesca Mariano.

L’intervista che i ragazzi mi faranno sarà pubblicata sul numero zero del giornale on line della scuola: “Obiettivo 21. Vitamine per l’intelletto”.


E ora un po’ di rassegna stampa. Ecco, in ordine sparso, alcuni articoli che hanno parlato dell’albo da me scritto (disegnato, lo ricordo, da uno stratosferico Emanuele Boccanfuso.

http://www.lanazione.it/empoli/nathan-never-thomas-pistoia-1.1954337
http://www.sanremonews.it/2016/03/07/sommario/insider/leggi-notizia/argomenti/insider/articolo/la-mafia-da-fantascienza.html
http://www.antimafiaduemila.com/home/rassegna-stampa-sp-2087084558/cronache-italia/59135-nathan-never-e-la-lunga-marcia-contro-la-mafia.html
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/03/04/nathan-never-diventa-eroe-antimafia-un-omaggio-borsellino-e-falcone-e-ispirato-nino-di-matteo/2517207/
http://www.tp24.it/2016/03/07/antimafia/nathan-never-un-numero-del-fumetto-dedicato-alle-vittime-di-mafia/98547
http://www.quotidianodipuglia.it/cultura/nathan_never_la_lotta_mafia_ricordando_falcone_borsellino-1597306.html
http://c4comic.it/2016/03/05/nathan-never-il-nuovo-albo-dedicato-alla-lotta-contro-la-mafia/
http://www.lospaziobianco.it/175764-intervista-thomas-pistoia-mafia-fantascienza/
http://www.nerdgate.it/nathan-never-n-297-la-lunga-marcia/
http://palermo.meridionews.it/articolo/41006/nathan-never-e-la-lunga-marcia-contro-la-mafia-autore-ispirato-da-scorte-civiche-a-di-matteo/
http://www.discorsivo.it/rubrica/2016/03/24/gea-nathan-never-fumetti-contro-le-mafie/
http://www.gonews.it/2016/02/16/nathan-never-ce-lo-zampino-dellempolese-pistoia-dietro-il-nuovo-albo/
http://gliaudaci.blogspot.it/2016/03/nathan-never-297.html
http://www.patriziatocci.it/pelle-d-oca
http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/502087/Nathan-Never-omaggio-a-fumetti-ai-giudici-Falcone-e-Borsellino
https://sites.google.com/site/fumettopropaganda/consigli-per-gli-acquisti/nathan-never-la-lunga-marcia
http://www.nerdgate.it/intervista-la-lunga-marcia-nathan-never/

Condividi:
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • MySpace
  • RSS
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks